Home » Ente Parco » Newsletter » Febbraio 2019

La migrazione delle gru

Al via nel Beigua l'esperimento di osservazione collettiva

Nel tardo inverno, tra febbraio e marzo, e nel tardo autunno, la nostra regione è interessata dal passaggio migratorio delle gru, fenomeno che negli ultimi anni ha registrato un netto incremento di osservazioni, sia come numero di individui sia come segnalazioni complessive. La rotta di migrazione interessa soprattutto la Liguria occidentale, compresa la ZPS Beigua-Turchino, già nota per i flussi migratori dei rapaci diurni.

 La Gru Grus grus è un trampoliere di grande taglia (cm 115x230 cm di apertura alare), con zampe e collo lunghi, testa e becco piccoli, coda corta. Più grande di un Airone cenerino, possiede un volo maestoso con movimenti lenti e potenti ad ali piatte e con estremità ben distese, dove fasi battute sono alternate a planate, anche lunghe, ad ali distese; il collo e le zampe sono visibilmente protesi. Tranne che durante la nidificazione, quando vive in coppie ed è solitaria, per il resto è fortemente gregaria. In volo gli stormi si muovono in formazioni a V o per linee oblique; è altresì un uccello vocifero e l'avvicinamento degli stormi è solitamente accompagnato da frequenti richiami di volo. Gli stormi di gru (di numero variabile) possono essere osservati in volo sia durante il giorno sia uditi nel corso della notte, essendo migratori attivi nell'arco delle ventiquattro ore.

Per raccogliere più informazioni sugli avvistamenti, ma anche per avvicinare un maggior numero di appassionati alla pratica del birdwatching, il Parco del Beigua, in collaborazione con gli ornitologi Luca Baghino e Alessandro Ghiggi, lancia la prima sperimentazione di monitoraggio collettivo social della migrazione delle gru attraverso il Beigua, ma anche in altre zone del nord Italia: con la collaborazione dei colleghi francesi, terremmo sotto controllo le fasi di avvicinamento delle gru ai cieli del Beigua e ne daremo informazione puntuale sui nostri canali social, utilizzando l'hashtag #GruNelBeigua. A chi vuole collaborare al monitoraggio chiediamo di segnalare le osservazioni con pochi e semplici dati, da postare sul vostro profili Facebook o direttamente sulla nostra pagina in tempo reale:

  • la data,
  • la località (Comune, frazione, ecc.)
  • l'orario di osservazione
  • una stima nel numero degli individui
  • la direzione del volo
  • le foto

A metà febbraio sul nostro sito e sulla pagina Facebook vi daremo tutte le istruzioni utili ad identificare la specie e a conteggiare gli individui, tenetevi pronti: orecchio teso e occhi al cielo… stanno per arrivare le #GruNelBeigua!

 
Condividi su
IUCNUNESCOGGNEGNEuroparcFederparchiMinistero dell'AmbienteParchi di Liguria