Home » Ente Parco » Newsletter » Agosto 2017

I borghi del Beigua: Masone

Nell'Anno dei Borghi 2017 il Parco racconta il suo territorio

Il viaggio nei Borghi del Parco del Beigua a luglio ci ha portato a Masone, luogo di villeggiatura molto amato dai genovesi, con il suo centro storico arroccato sulla collina lungo la quale è ancora visibile il cordone di case a schiera, in origine destinate ad abitazioni dei "ferrieri".

La storia di Masone è indissolubilmente legata alla lavorazione del ferro, che viene raccontata attraverso i materiali e i reperti della collezione di Andrea Tubino, appassionato di storia e cultura locale, esposti nel Museo civico, ospitato nell'ex convento agostiniano del XVI secolo. La visita si snoda attraverso la raccolta di attrezzi che raccontano la lavorazione del ferro nelle ferriere e nelle fucine di Masone, dove il materiale grezzo importato dall'Isola d'Elba veniva lavorato e trasformato in chiodi, inferriate, utensili vari. Nelle sale sono esposti anche oggetti d'uso quotidiano che ricostruiscono la vita rurale e la storia della comunità, nonché reperti archeologici ritrovati in Valle Stura.

Attraversando le vie del centro abbiamo seguito un fragrante profumo di dolci e abbiamo scoperto i Krumiri, biscotti della tradizione masonese preparati con farina di mais macinata finissima, farina di frumento, zucchero, latte, burro e scorza di limone, deliziosi se accompagnati con un vino liquoroso.

Lasciandoci alle spalle il borgo, siamo andati alla scoperta della Val Masone, seguendo uno degli itinerari del Parco lungo il fondovalle del rio Masone, fino a raggiungere lo spettacolare salto d'acqua della Cascata del Serpente, per poi addentrarci nella Foresta Demaniale di Tiglieto fino a raggiungere Cascina Troia e risalire fino al Bric Saliera, seguendo la via del Sale fino a raggiungere l'Alta Via dei Monti Liguri.

Non potevamo poi mancare una visita a Forte Geremia, il sistema di avvistamento e difesa della porta di accesso al Piemonte, edificato dal Genio Militare del Regno d'Italia nel XIX secolo lungo il crinale che separa la Val Cerusa dalla Val Masone, presidiato fino alla fine della Prima Guerra mondiale ed oggi restituito all'uso pubblico per accogliere gli escursionisti con un panorama unico che spazia dai contrafforti appenninici alla costa ligure.

Ma il nostro viaggio non è ancora finito: nel mese di agosto sulla pagina Facebook ViviBeigua vi racconteremo tante curiosità su Tiglieto. Seguiteci!

 
Condividi su
IUCNUNESCOGGNEGNEuroparcFederparchiMinistero dell'AmbienteParchi di Liguria