Home » Ente Parco » News

Arrampicare nel Parco del Beigua: regolamentazione e limiti

( Arenzano, 03 Aprile 19 )

Con l'arrivo della bella stagione gli amanti delle attività outdoor sono fortemente attratti dalla numerose possibilità che il Parco del Beigua offre. Le attività di arrampicata e alpinismo sono tra le più praticate, anche se, spesso inconsapevolmente, possono avere conseguenze negative sulle le specie di uccelli che nel periodo primaverile nidificano sulle balze e sulle cenge di roccia. 

Al fine di consentire una corretta fruizione delle pareti di roccia che risulti sostenibile per le specie di uccelli rupicole, il Parco ha predisposto una regolamentazione puntuale, scaturita da uno studio scientifico al quale hanno preso parte sia ornitologi sia guide alpine che, parete per parete, indica qual è il periodo nel quale è consentita o non consentita la fruizione arrampicatoria.

Invitiamo tutti ad attenersi strettamente a quanto indicato, certi del senso di responsabilità che anima i fruitori di un'area protetta dall'inestimabile valore naturalistico.

Comportamenti fuori dalle regole possono vanificare, anche inconsapevolmente, il ciclo riproduttivo di specie importantissime a livello conservazionistico.

Ricordiamo inoltre che gli utilizzi delle pareti di roccia non coerenti con quanto indicato dal Piano Integrato del Parco sono soggetti a sanzione amministrativa (L.R. 28/2009) da 1000 a 10000 Euro

Tutti i riferimenti sono reperibili nelle PDF Misure Regolamentari Gestionali del Piano Integrato del Parco, art. 27.4 Avvicinamento e fruizione delle pareti di roccia e ALLEGATO II: classificazione aree per attività di arrampicata.

Arrampicare nel Parco del Beigua: regolamentazione e limiti
Arrampicare nel Parco del Beigua: regolamentazione e limiti
 
Arrampicare nel Parco del Beigua: regolamentazione e limiti
Arrampicare nel Parco del Beigua: regolamentazione e limiti
 
Condividi su
IUCNUNESCOGGNEGNEuroparcFederparchiMinistero dell'AmbienteParchi di Liguria